Indietro  
Giovanni Pascoli
Stfane Mallarm
Gabriele D'Annunzio
Percy Bysshe Shelley
Cesare Pavese
Ugo Foscolo
Eugenio Montale
Giacomo Leopardi
Charles Bukowski
Pier Paolo Pasolini
Charles Baudelaire

Pier Paolo Pasolini

 

Autoritratto

(1922-1975)

 

Uno degli intellettuali pi attenti di questo dopoguerra, si mosse sulle linee del neosperimentalismo. Narratore, poeta critico finissimo, osservatore acuto del costume e polemista sempre incisivo. Esord con una raccolta poetica, "Poesie a Casarsa"(1942) in dialetto friulano, usato come lingua pura per poesia. La seconda raccolta "L'usignolo nella chiesa cattolica"(1958) testimoniava il superamento giovanile per il dialetto e la scoperta della storia e dell'impegno, condotta a seguito di un approfondimento teorico (marxismo) e di una decisa maturazione ideologica. A Roma dal 1949 si incontr con la realt dell'emarginazione contemporanea: non quella contadino-friulana, ma quella del sottoproletariato che assiepa le grandi citt senza integrarvisi. Nascono qui i romanzi "Ragazzi di vita"(1955),"Una vita violenta"(1959). La disperata di risarcimento della vita detta altre poesie: "Le ceneri di Gramsci"(1957),"La religione del mio tempo"(1961).Verr poi la scoperta dei popoli del terzo mondo e della loro "ricchissima povert" di cui traccia in"Poesia in forma di rosa"(1964) e "L'odore dell'India".Ed infine la crisi della speranza e la smobilitazione ideologica :"Trasumanar e organizzar"(1971);

 "La divina mimesis"(1975); "Scritti corsari"(1975) con cui il ciclo si concludeva.

 

TRATTO DA: LA NUOVA GIOVENTU' (Poesie a Casarsa)

CASARSA

Dedica

Fontana di aga me pas.

A no aga p fres-cia che tal me pas.

Fontana di rustic amur.

 

IL NINI MUART

Sera imbarlumida, tal fossl

a cres l'aga, na fmina plena

a ciamina pal ciamp.

Jo ti recuardi, Narcs, ti vvis il colur

da la sera, quand li ciampanis

a snin di murt.

 

PLOJA TAI CUNFINIS

Fantasst, al pluf il Sil

tai spolers dal to pas,

tal to vis di rosa e mil

pluvisn al nas il mis.

 

Il soreli scur di fun

sot li branchis dai morrs

al ti brusca e sui cunfns

tu i ti ciantis, sul, i murs.

 

Fantasst, al rit il Sil

tai barcons dal to pas,

tal to vis di sanc e fil

serent al mur il mis.

 

DILI

Ti jos, Dili, ta li cassis

a pluf. I cians si scunssin

pal plan verdt.

 

Ti jos, nini, tai nustris curps,

la fres-cia rosada

dal timp pierdt.

 

O ME DONZEL

O me donzel! Jo i nas

ta l'odur che la ploja

a suspira tai pras

di erba viva... I nas

tal spiedi da la roja.

 

In chel spiedi Ciasarsa

-coma i pras di rosada-

di timp antic a trima.

L sot jo i vif di dul,

lontn frut peciadur,

 

ta un ridi scunfuartt.

O me donzel, serena

la sera a tens la ombrena

tai vecius murs: tal sil

la lus a imbarlums.

 

TORNANT AL PAIS

Fantassuta, se i fatu

sblanciada dongia il fuc,

coma una plantuta

svampida tal tramont,

"Jo i impiji vecius stecs

e il fun al svaula scur

disnt che tal me mond

il vivi al sigr".

Ma a chel fuc ch'al nuls

a mi mancia il rispr,

e i vors essi il vint

ch'al mur tal pas.

 

CIANT DA LI CIAMPANIS

Co la sera a si pirt ta li fontanis

il me pas al colur smart.

 

Jo i soi lontn, recuardi li so ranis,

la luna, il trist tintinul dai grs.

 

A bat Rosari, pai pras al si scuns:

jo i soj murt al ciant da li ciampanis.

 

Forst, al me dols svual par il plan,

no ciap pura: jo i soj un spirt di amur

che al so pas al torna di lontn.

 

CASARSA

 

Dedica

Fontana d'acqua del mio paese.

Non c' acqua pi fresca che nel mio paese.

Fontana di rustico amore.

 

 

 

IL FANCIULLO MORTO

 

Sera luminosa, nel fosso

cresce l'acqua, una donna incinta

cammina per il campo.

Io ti ricordo, Narciso, avevi il colore

della sera, quando le campane

suonano a morto.

 

 

 

PIOGGIA SUI CONFINI

 

Giovinetto, piove il cielo

sui focolari del tuo paese

sul tuo viso di rosa e miele

nuvoloso nasce il mese

 

Il sole scuro di fumo, 

sotto io rami del gelseto,

ti brucia  e sui confini,

tu solo canti i morti.

 

Giovinetto, ride il cielo

sui balconi del tuo paese,

sul tuo viso di sangue e fiele,

rasserenato muore il mese.

 

 

 

DILIO

 

Vedi, Dilio, sulle acacie

piove. I cani si sfiatano

per il piano verdino.

 

Vedi, fanciullo, sui nostri corpi

la fresca rugiada

del tempo perduto.

 

 

 

O ME GIOVINETTO

 

O me giovinetto! Nasco

nell'odore che la pioggia 

sospira dai prati

di erba viva.... Nasco

nello specchio della roggia.

 

In quello specchio Casarsa

-come i prati di rugiada-

trema il tempo antico.

L sotto io vivo di piet,

lontano fanciullo peccatore,

 

in un riso sconsolato.

O me giovinetto, serena

la sera tinge l'ombra

sui vecchi muri: in cielo

la luce acceca.

 

 

 

TORNANDO AL PAESE

 

Giovinetta, cosa fai

sbiancata presso il fuoco,

come una pianticina

che sfuma nel tramonto?

"io accendo vecchi sterpi,

e il fumo vola oscuro,

a dire che nel mio mondo

il vivere sicuro".

Ma a quel fuoco che profuma

mi manca il respiro,

e vorrei essere il vento

che muore nel paese.

 

 

 

CANTO DALLE CAMPANE

 

Quando la sera si perde nelle fontane,

il mio paese di colore smarrito.

 

Io sono lontano, ricordo le sue rane,

la luna, il triste tremolare dei grilli.

 

Suona Rosario, e si sfiata per i prati:

io sono morto al canto delle campane.

 

Straniero, al mio dolce volo per il piano,

non aver paura: io sono uno spirito d'amore,

che al suo paese torna da lontano.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Copyright 2008 [Maremagnum]. Tutti i diritti riservati.